58mm di Parigi

E’ passato un po’ di tempo dalla nostra prima volta a Parigi, tra i vari impegni lavorativi sono riuscito in questi ultime ore a guardare gli scatti fatti e devo ammettere, qui sarà contentissima Romina che si è innamorata di ogni angolo della città, rivedendo le fotografie che ho proprio voglia di tornarci. Eh già, proprio così, fino a qualche giorno fa non ero stato neanche lontanamente avvicinato da questo pensiero eppure rivedendo le fotografie, Parigi è così affascinante ed unica in tutto per tutto.

E’ vero potrebbe essere per del meteo sempre così ventoso, umido e grigio ma siamo sinceri sarebbe da folli pensare di visitare Parigi senza mai prendere neanche una goccia di pioggia e secondo me, fotograficamente parlando sarebbe fin quasi noioso.

Una città, che dal mio punto di vista è davvero strabiliante perché è come se si cambiasse d’abito con il trascorrere del tempo ed ecco che da un semplice casual diurno con l’arrivo del crepuscolo la vedi all’improvviso indossare un lungo abito nero scollato sulla schiena, con una miriadi di diamanti ed una sensualità sconvolgente e se a tutto questo ci aggiungiamo poi una “blue light” incredibile, mai vista così intensa beh non resta che fermarsi e rimanere a bocca aperta di fronte a tanto spettacolo.

E così se sei abituato alla sua bellezza e a tutte quelle sfumature di grigio con l’imbrunire ì non puoi che rimanerne affascinato tanto che, anche le auto diventano protagoniste della festa di luci e colori per le vie della città.

E poi ovviamente c’è Lei,  la Tour Eiffel così “presente”, così bella e la puoi osservare da qualsiasi punto ma c’è poco da fare, ha sempre qualcosa da dirti, da trasmetterti e passeggiando lungo la Senna ti obbliga quasi a fermarti come se ti dicesse di ammirarla mentre si specchia nelle acque parigine.

A questo punto vi starete chiedendo perché l’articolo del blog è intitolato 58mm di Parigi? Per esigenze di praticità e tempo ho optato di portar con noi durante questi 4 giorni parigini solamente una lente, il Nikon af-s 58mm f/1.4 g nikkor – obiettivi e niente più se non la Nikon D4s. Inizialmente è stata un’esperienza  un po’ traumatica perché era la prima volta che scattavo con un’ottica fissa ma dopo un po’ di ore  devo ammettere che è davvero un’ottica strabiliante. Come poi vedrete nelle foto che seguono nonostante l’assenza di treppiede siam riusciti a divertirci anche alla sera cercando muretti, ringhiere, cassonetti etc… per provare qualche tempo lungo e qualcosa di buono abbiam portato a casa!

Parigi e la lente scelta hanno senza dubbio in comune la loro luminosità, eccezionale a tratti. Senza dubbio questo 58mm è molto pratico e offre un bel bokeh con uno sfuocato a 1.4 fin quasi esagerato tanto che posso consigliare di fermarsi a 1.8 in certe situazioni.

Un viaggio iniziato, e non mi vergogno a dirlo, con un impatto pessimo sia come attrezzatura fotografica che come meta scelta ma che invece si è concluso con un innamoramento completo verso questi 58mm parigini.

tutte le fotografie sono in vendita e realizzabili su qualsiasi supporto e formato

info@simonemondino.it